AREAtusea

Ingresso AREAtusea

Ugolotti: "Guido senza paura!" PDF Stampa E-mail
SiraNews - Interviste e Opinioni
Venerdì 11 Febbraio 2011 22:11

Guido UgolottiPalermo, 11 febbraio 2011Guido Ugolotti, allenatore del Siracusa, ci ha concesso un'intervista in esclusiva in vista del match di domenica tra aretusei e Nocerina.

Domenica affronterete la Nocerina. All’andata fu la sua prima partita sulla panchina aretusea. Che ricordo ha di quella gara?

«Un gran bel ricordo. C’è da dire che non era la Nocerina di adesso, non avevano ancora consapevolezza dei loro mezzi. Facemmo davvero una bella partita. I ragazzi venivano da un avvio disastroso e dopo quel match cominciarono a capire che potevano fare bene».

Che partita vi aspetta, invece, domenica?

«Grande pubblico, squadra schiacciasassi. Sulla carta noi siamo sfavoriti, ma siamo tranquilli. Qualsiasi risultato positivo ci darebbe morale, abbiamo fiducia nei nostri mezzi e siamo consapevoli che possiamo fare punti».

Siete in zona play off: è un obiettivo raggiungibile?

«Non lo so, mi piace vivere alla giornata. I ragazzi stanno facendo molto bene ed è normale che non dobbiamo limitarci a pensare in piccolo. Siamo lassù e ce la giocheremo fino alla fine».

Ci da qualche informazione sulla formazione che scenderà in campo? Qualcuno degli infortunati recupera?

«Chiaria ha ancora problemi, Pasqualini è squalificato. Rientrano Corapi e Spinelli che mi permettono d’avere più alternative a centrocampo. A sinistra, se sta bene, probabilmente giocherà Capocchiano. Per il resto scenderà in campo la stessa formazione che ha battuto il Benevento».

Aveva chiesto al presidente uno sforzo in attacco ed è arrivato Koffi: ce lo descrive?

«Koffi è un esterno, non è una vera e propria punta. Il presidente mi chiese se avevo bisogno di qualcuno e io risposi che i quattro attaccanti avevano fatto soltanto sette gol e oggettivamente sono pochi, ma anche i ragazzi lo sanno. Abbiamo cercato di prendere qualcuno davanti, ma forse dovevamo muoverci un po’ prima. C’è un po’ di rammarico perché Chiaria, che l’anno scorso fece un bel po’ di gol a Melfi, si è subito infortunato. Siamo l’unica squadra dei play off che ha più gol subiti che fatti (21 realizzati e 23 subiti, ndr) e quindi spero che le nostre punte si sblocchino».

Petta è andato a Napoli: era pronto per il salto di qualità?

«Non credo sia ancora pronto per la serie A. Sarà aggregato alla Primavera del Napoli e farà il Torneo di Viareggio, per lui sarà una grandissima esperienza. Probabilmente qualche volta si allenerà con la prima squadra e avrà possibilità di allenarsi con campioni, questo lo aiuterà a crescere. Sono convinto che in breve tempo diventerà un grande giocatore, ma dipende soltanto da lui».

Ugolotti rimane anche per la prossima stagione a Siracusa?

«È presto per dirlo. Non mi pongo certi problemi adesso. Vedo che c’è interesse e vorrei fare qualcosa d’importante qua, ma davanti a un progetto. Per esempio il manto del “De Simone” dovrebbe essere rifatto, perché una squadra deve giocare sull’erba e non sulle pietre. Ugolotti resta a Siracusa se c’è un programma».

In bocca al lupo...

«Crepi!».


Dario Li Vigni – 11 febbraio 2011 GolSicilia.it

 
 

Ultime dalla SiraGallery