SiracusaCalcio.net
Siracusa, forza 4! Gli azzurri sbancano Villasmundo PDF Stampa E-mail
SiraNews - Terza Categoria
Scritto da Antonio Midolo   
Sabato 01 Dicembre 2012 17:54
Quarta vittoria consecutiva per gli uomini di mister Lo Iacono. Gli azzurri non si fermano più e passano pure a Villasmundo. Salgono a dodici i gol realizzati da Bianchini e compagni, appena due quelli subiti (entrambi su rigore). Numeri che parlano chiaro. E' il Siracusa la regina del torneo.

Lo Iacono opta per il solito 4-4-1-1. Lombardo tra i pali, linea di difesa composta da Amadore, Piazzese, Siringo e Zammitti. Centrocampo a quattro con Valvo e Maggiore ai lati, e la coppia Monachini-Moncada al centro. In avanti Bianchini giostra dietro l'unica punta Midolo. A sostenere gli azzurri circa un centinaio di siracusani.

Eppure, oggi, le cose non sembravano mettersi nel migliore dei modi. Due infortuni e lo svantaggio iniziale non hanno, però, demoralizzato un Siracusa che è riuscito a rimontare e poi a stravincere.

Partenza shock. Cento secondi dopo il fischio d'inizio, Siringo è costretto a lasciare il campo. Infortunio muscolare per lui. Al suo posto il giovane Fiaschitello. Al centro, in coppia con Piazzese, si sistema Zammitti. Fiaschitello va sull'esterno. Al 4' locali pericolosi. E' bravo Lombardo nel salvare in angolo una conclusione a botta sicura di Brancato. Al 7' giunge la risposta del Siracusa. Venuto si supera e chiude ogni spazio a Bianchini a pochi metri dalla porta. La partita è equilibrata. Combattuta, piacevole da guardare. Il Villasmundo gioca bene e prova a pungere. Gli azzurri si fanno notare in contropiede. Al 18' la gara viene sospesa per una brutta botta subita da Siro Valvo che ha la peggio dopo uno scontro con Venuto. Deve lasciare il campo e serve l'intervento del 118 (non presente ndr). Dopo 5' di stop si riprende a giocare. Al 30' il Villasmundo passa. Un fallo di mano in area costa il penalty che Bisconti trasforma. Siracusa in svantaggio per la prima volta in stagione. Al 34' ancora Villasmundo, ancora Bisconti. Il centrocampista locale direttamente su punizione centra l'incrocio dei pali. Nel finale della prima frazione di gara Battaglia (subentrato a Valvo) viene atterrato in area da Di Mari. E' rigore. Nel frattempo, però, giunge l'ambulanza che trasporterà Siro Valvo in Ospedale ad Augusta. Dal fischio dell'arbitro alla battuta passano circa dieci minuti. Midolo non fa una piega e realizza. Il primo tempo si chiude sull'1 a 1.

Mister Lo Iacono non è soddisfatto. E negli spogliatoi si fa sentire. La reazione del Siracusa è veemente. Nella ripresa in campo c'è solo una squadra. La sua. Il Villasmundo cala anche fisicamente, e gli azzurri si scatenano. Al 50' Bianchini si invola sulla fascia e serve Moncada. Venuto fa il miracolo e manda in angolo. Il Siracusa spinge sull'acceleratore. Al 55' Maggiore lancia Bianchini che sfiora il vantaggio. Al 58' è lo stesso Maggiore ad andarci vicino. La traversa gli nega la gioia. Sessanta secondi più tardi Bianchini insacca su pregevole assist di Fiaschitello. Al 66' Bianchini, da vero bomber di razza, sigla l'1 a 3. Azione rocambolesca e pallone che finisce tra i piedi di Bianchini che realizza, ancora una volta, una doppietta. Il Villasmundo non ci crede più e il Siracusa cala il poker. Lo firma Moncada, al 72', direttamente su calcio di punizione. All'80' Battaglia potrebbe dilagare ma la sua conclusione viene stoppata dal palo esterno. La sfida termina tra gli applausi dei presenti. Ottimo primo tempo per i locali, nella ripresa è uscita fuori tutta la qualità dei ragazzi del Presidente Favara che ottengono altri tre punti preziosi.

Domenica 9 dicembre (ore 14.30) il Siracusa affronterà, al "De Simone", il Portopalo. Gara valida come 6^ giornata del campionato di Terza Categoria.

L'intero staff dell'Asd Città di Siracusa augura una pronta guarigione al suo atleta Valvo. Forza Siro!!
 
Un po' di Storia ricordando Italo Formosa PDF Stampa E-mail
SiraStory - Storia del Siracusa Calcio
Scritto da ciampa   
Giovedì 23 Aprile 2015 16:29
La rocambolesca, seppur meritata, promozione in D mi ha suggerito di pubblicare una chicca, tratta da una rubrica tenuta dall'indimenticabile Italo Formosa su "I Siracusani" di Luglio-Agosto 2001.
Il testo della Canzone di cui si parla per il momento l'ho voluto omettere, per evitare di mettere troppa carne al fuoco. Sarà però oggetto di una prossima pubblicazione.

Ortigia sportiva
(da "Ortigia" ottobre 1931)

Un mese: quattro partite, sette punti, tredici goals all'attivo, quattro al passivo, due vittorie fuori casa. Chi avrebbe supposto dopo le incertezze di inizio che la squadra azzurra sarebbe risalita così forte da mettersi in testa alla classifica? Forse nessuno, per un certo senso di amarezza che serpeggiava nell'animo dei tifosi; nessuno, e tutti nello stesso tempo trovavano una fiducia indefinita in questo stesso scoramento. E si è aspettata con trepidanza ognuna di queste due partite fuori casa per commettere il fatale suicidio sportivo a cui ogni tifoso si era votato oppure per ritrovare il coraggio e la gloria dei tempi migliori.
Fortuna per i "Leoncelli" che da tali hanno avuto il fiuto lungo e han sentito l'odor di burrasca che minacciava l'orizzonte. E in quindici giorni, con due smaglianti vittorie, si sono riacquistati la fiducia dei sostenitori, smentendo i falsi allarmi di critiche maligne che vedevano la nostra squadra fra le mediocrità, e assurgendo al meritato posto da cui non dovrebbero più staccarsi. In meno di due settimane gli azzurri hanno fatto rivivere le prodezze dello scorso anno, dimostrando e confermando che sin da allora la squadra era matura - se pur non si voglia ammettere che lo sia stato ai tempi del vecchio "Gargallo" - per la promozione nella Naz. B, e solo circostanze avverse ne hanno attardato l'avveramento. Onore, quindi, ai "leoncelli" che cominciano a far valere cuore e tecnica; senza montature, perché questo vuol essere un elogio e uno sprone per le future battaglie. La meta è ancora lontana ed essi vi dovranno giungere vittoriosi, perché ogni sportivo possa sentirli dentro il cuore come sente ancora i fatidici nomi di Bagnoli, Pioletti, Alvarez, Gamma etc., vecchie casacche che dopo una vittoria pensavano con fermezza a quella seguente, con tale convincimento da far traboccare d'orgoglio il cuore dei tifosi.
Ora la via giusta è trovata. Ai leoncelli il compito di seguirla.
***
Leggi tutto...
 
Siracusa, recuperato Matinella PDF Stampa E-mail
SiraNews - Rassegna Stampa
Scritto da Antonio Fazzina   
Sabato 21 Settembre 2013 11:38

Sfuma per il Siracusa la possibilità di ingaggiare l’attaccante Salvatore Galizia, che proprio ieri ha firmato il contratto con l’Aversa Normanna (Seconda Divisione). Era stato il nuovo allenatore Nello Di Costanzo a caldeggiare l’acquisto dell’attaccante che nel campionato scorso con i suoi gol ha contribuito alla promozione dell’Ischia in Seconda Divisione. Di conseguenza, il direttore sportivo azzurro Giovanni Martello sta seguendo la pista alternativa, quella che porta ad un altro attaccante di esperienza in categorie superiori. «Ci abbiamo provato – ha dichiarato Martello – ma l’attaccante ha preferito accasarsi presso una squadra professionistica, e nel contempo rimane vicino a casa. Ora ci rivolgeremo in altra direzione, ma per il momento concentriamoci sulla partita di Taormina». Intanto, in casa azzurra si registra una buona notizia: è rientrato l’allarme per Santo Matinella, che rischiava di saltare la partita che il Siracusa giocherà domani al “Bacigalupo” di Taormina. Il forte difensore centrale si è prontamente rimesso dall'infortunio (forte ematoma al polpaccio destro), conseguenza di una botta subita durante la partita di domenica scorsa contro il Vittoria. Il recupero di Matinella fa tirare al tecnico Orazio Pidatella un sospiro di sollievo, perché l’assenza dell’esperto difensore sarebbe stato per la squadra azzurra un handicap notevole. Nella formazione che scenderà in campo domani contro la squadra allenata da Saro De Cento potrebbe esserci spazio anche per Simone Figura. Il centrocampista, classe ’94, ha regolarmente firmato il contratto che lo lega al Siracusa ed è disponibile. Fra l’altro, il ragazzo si è mosso molto bene nella partitella in famiglia giocata dagli azzurri giovedì sul terreno del “Giorgio Di Bari”. Figura, siracusano di nascita, è cresciuto nelle giovanili del Brescia fino ad arrivare alla squadra “Primavera”; due anni fa ha giocato in prestito nelle file del Palazzolo mettendosi in luce come un centrocampista molto rapido, forte nei contrasti e dai piedi buoni.

Leggi tutto...
 
Comunicato ufficiale Movimento Ultras Siracusano PDF Stampa E-mail
SiraNews - SiraFlash
Scritto da Antonio Fazzina   
Martedì 16 Luglio 2013 17:12

Dopo una stagione per noi molto difficile, che ci ha visti seguire le sorti della squadra Città di Siracusa in Terza Categoria, siamo rimasti nell'ultimo periodo in attesa di avere notizie ufficiali a riguardo delle sorti del nuovo Siracusa Calcio. Adesso riteniamo opportuno scrivere in merito alla nostra posizione a tal riguardo. Crediamo fermamente che per un degno futuro del calcio cittadino sia indispensabile in primis la costruzione di un nuovo impianto sportivo e nello stesso tempo di una dirigenza che sappia stilare una programmazione trasparente con una visione del futuro fatta di investimenti su giovani e desiderio di arrivare con una struttura societaria forte nei campionati professionistici. Questo per evitare le tristi fini delle ultime società che si sono cimentate nella gestione del glorioso ma calpestato Siracusa Calcio. Crediamo fermamente che sia opportuno il coinvolgimento di grandi entità industriali quali la Lukoil che vediamo come unica realtà in grado di poter dal punto di vista economico sostenere il costo di un nuovo impianto sportivo. Rispettiamo l impegno di chi sta cercando di riportare il calcio in città ma è anche evidente che occorre pensare anche ad altri contributi esterni o compartecipazioni che possano dar vita ad un progetto solido ed efficace e che preveda una ricostruzione a 360 gradi del mondo del calcio cittadino. Nuovo Stadio, settore giovanile e staff di alto livello e competenze nel settore. Ritornando al presente, da quasi due mesi siamo in attesa di sapere notizie ufficiali su squadra, problema gestione Stadio Nicola De Simone e Categoria di appartenenza. Abbiamo letto di continui cambiamenti a riguardo della situazione del ripescaggio. Abbiamo letto di continui cambiamenti a riguardo del problema di gestione dell’impianto Nicola De Simone. Abbiamo letto di allenatori ma ad oggi nessuna squadra è stata allestita, come nessun lavoro di ripristino dello Stadio effettuato, come nessun chiarimento in merito a presunti illeciti a noi riferito. Siamo arrivati al 16 Luglio 2013 e di certo sappiamo solamente di non avere una squadra allestita, un impianto in cui giocare e una categoria di appartenenza. Insomma ad oggi Siamo senza squadra, stadio e categoria. Il nostro movimento ama la trasparenza. Chiediamo per questo motivo immediati chiarimenti su questi punti cruciali perché troppe volte siamo stati ingannati sebbene sempre pronti a non abbandonare chi indossasse la maglia azzurra in qualunque stadio o categoria. Una volta chiarite le attuali problematiche potremo quindi ritornare con più serenità a fare quello che facciamo meglio, sostenere la squadra della nostra amata città. In caso contrario, il persistere di questa situazione così difficile da capire, priva di trasparenza e notizie ufficiali, sarebbe per noi l'ennesima delusione che onestamente vorremmo evitare di subire.

Siracusa 16/07/2013 

Gli Ultras Siracusani

 
Santo Palma: «Siracusa è una grandissima piazza» PDF Stampa E-mail
SiraNews - Interviste e Opinioni
Scritto da Antonio Fazzina   
Lunedì 16 Dicembre 2013 18:23

Abbiamo intervistato Santo Palma, direttore sportivo dell'Fc Acireale. La sua esperienza comincia nel 1999 a Valverde in Promozione; tre anni in cui ha fatto tantissima gavetta ed esperienza. Poi è stato a Nicolosi, sempre in Promozione. L’anno successivo è stato osservatore della Sampdoria per il settore giovanile, poi Adrano in Serie D, ad Acireale responsabile del settore giovanile in Serie C, poi quattro anni di Atletico Catania conditi con la promozione in Eccellenza, Aci Sant'Antonio l'anno scorso svolgendo un campionato strepitoso e adesso Fc Acireale.

Cosa ne pensi del pareggio di ieri contro il Siracusa? «È stata una partita molto combattuta, un tempo ciascuno ed il risultato è giusto. Anche se il Siracusa, per come si era messa la gara, poteva pareggiare solo con un episodio. Quando hai a disposizione tutti quei calciatori importanti in queste partite, l'invenzione arriva. Per noi Nicolosi, per il Siracusa Carbonaro».

A proposito di Carbonaro, come mai questa cessione? «Abbiamo rispettato un accordo fatto con Peppe in estate. In moltissimi non credevano in lui, noi ci abbiamo puntato ed abbiamo vinto insieme questa scommessa. Noi siamo una società con pochissime risorse finanziare e non era più possibile tenerlo. Abbiamo perso tantissimo sotto l'aspetto tecnico, ma Peppe vive di calcio. Quando arrivano offerte importanti sotto l'aspetto economico è giusto far andare chi vive di calcio. Siamo contenti però, entrambi abbiamo vinto».

Secondo te il Siracusa quest’anno dove può arrivare? «Onestamente credo che recuperare dodici punti a noi ed alla Tiger sarà difficilissimo. Malgrado tutto nel calcio tutto può succedere. Un posto nei play off però credo sia assicurato, anche perché conoscendo benissimo il mister Strano sono sicuro che nel girone di ritorno farà cose importanti».

Leggi tutto...
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 3 di 108